orologio_small 48"

Piacere!

È uno dei paradossi contemporanei: nella società edonistica in cui viviamo sempre più persone non godono di alcun vero piacere. Soffrono, addirittura, del non sapere cosa dà o potrebbe dar loro brividi di godimento, per cui – non immaginando – neppure riescono a cercarlo.

Perché? I motivi sono cinque.

Il primo chiama in causa l’effetto abbondanza: è talmente vasta l’offerta che la domanda avvizzisce. Il troppo stroppia, avvertivano i nostri avi; oppure, è la rarità ad attrarre, secondo certi psico-sociologi alla Cialdini.

Il secondo motivo ha a che fare con il dovere: l’obbligo di godere spesso inibisce il piacere, che è tale perché libero, scelto, magari proibito.

Il terzo evoca l’educazione autoritaria ed edonòfoba, forte in passato e ancora – seppur meno – diffusa: quella che non magnifica e non testimonia le gioie dell’esistenza, finendo per creare individui infelici e severi con sé stessi.

Il quarto motivo c’entra con la solitudine: molti piaceri di fatto si sperimentano con un partner e/o con altri (io, per esempio, non amo andare al cinema da solo), il che spiega perché tanti umani non possano essere felici nella società dell’iper-individualismo.

L’ultimo è più sottile ma non meno potente: per provare piacere nel vivere, spesso è indispensabile star bene con sé stessi, farsi buona compagnia, aversi come amico. Troppi, invece, non si danno piacere e quindi divengono sterili, insensibili ai godimenti relazionali.

 

Credits: Lucas Cranach


Enrico Finzi, 5 Maggio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *