orologio_small 1'04"

Un 2020 pieno di conflitti

L’anno che è iniziato sarà bisestile, inconsueto, ricco di scontri. Non parlo dei conflitti armati. Mi riferisco, invece, alle pugne interiori: quelle si combattono nell’intimo degli umani. Stando solo all’Italia, terreno degli interventi di Sòno, tutto lascia pensare che per molti – specie le donne – diverranno sempre più insopportabili tre nodi non sciolti.

Il primo è quello, diventato strozzante dal 2017, che nasce dall’assenza di armonia nella vita: con la razionalità percepita come sempre più impotente e coordinatrice, con l’emozionalità bloccata da troppi vincoli sociali e famigliari. Sarà possibile venirne fuori solo accettando, sentendo, liberando le passioni: in modo da uscire dalla disagevole e diffusa situazione di blocco, che incrementa il senso di impotenza e la rabbia, sempre più diffuse.

Il secondo nodo aggrovigliato ha a che fare con l’opposizione ai disequilibri relazionali. Qui la scelta è tra sopportare ancora – ma con crescente fatica – il prepotere e la violenza psicologica dei ‘padroni’ nella coppia, nel nucleo famigliare, sul lavoro; e, finalmente, uscire dalla passività e lottare per un riequilibrio dei poteri, dando voce ai disagi degli ‘schiavi’. Tra l’altro, la crisi economico-sociale spesso non consente più di attutire le dinamiche perverse tramite i consumi, il benessere, le illusorie distrazioni.

Il terzo e ultimo nodo rinvia alla contrapposizione tra pessimismo radicale e rinnovate speranze. Chi si abbandona al primo finisce per sopravvivere o tentar di farlo; chi, all’opposto, coltiva l’idea che esistano altre strade gravide di futuro, può trovare in sé e con altri la forza di immaginare e progettare vie di liberazione, personali e sociali.

Al fondo, la pugna sarà tra chi libera le proprie pulsioni (anche aggressive) per un progetto di cambiamento, e chi difende l’esistente – pur miserabile – per difendere la pace dell’immobilità.

Sòno, che aiuta le persone a ritrovare la consonanza con sè, sarà – come sempre – dalla parte di chi cerca auto-consapevolezza, coraggio, fiducia nelle proprie risorse: anche ‘contro’. Auguri di un non sereno (ma vivo e vivace) 2020.

 

Credits: Davide Bonazzi


Enrico Finzi, 9 Gennaio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *